Sign in

Jennifer Guerra
Ai Kijima, NEW LOVE PLAN #17, 2012

Mentre siamo comodamente seduti su questo aereo in caduta libera che è la società neoliberista e guardiamo fuori dal finestrino, coprendo le urla dei nostri vicini con le cuffie noise-cancelling, non ci resta altro che pensare a quello che lasceremo dietro di noi. Quando saremo definitivamente precipitati e tra le lamiere cercheranno il nostro telefono per avere un’idea di chi fossimo e perché fossimo su quell’aereo — un po’ come quella sonda mandata sullo spazio con Mozart e Chuck Berry per presentarsi agli alieni — troverebbero Instagram aperto con la schermata di chi, nell’ultimo iato della propria esistenza, controllava chi…


Che cos’è il gendertrolling

Secondo Karla Mantilla, editor della rivista accademica Feminist Studies e autrice di Gendertrolling: How Misogyny Went Viral (2015), il gender trolling (d’ora in poi abbreviato in gt) è una particolare variante del trolling che, a differenza di quello “classico”, esprime anche le credenze e i valori di chi lo pratica. Le caratteristiche del gt sono:

  1. Partecipazione di molte persone all’attacco, spesso coordinato: “Il gt spesso comporta un’azione concertata o coordinata da parte di molti troll, a volte decine o persino centinaia, che schiacciano la vittima con una vasta quantità di attacchi, che arrivano a essere centinaia all’ora per un periodo…


Photo by visuals on Unsplash

La retorica sugli eccessi del politicamente corretto è arrivata anche in Italia. Nella maggior parte dei casi, si tratta però di notizie false, male interpretate o non verificate. Al pari di altre fake news, anche le notizie false sugli eccessi del politicamente corretto inquinano il dibattito e creano polarizzazioni e divisioni pericolose per la nostra democrazia, oltre che a creare un clima di ostilità verso determinati gruppi sociali. …


MRA è un acronimo che sta per Men’s Rights Activist (o Activism), cioè “attivista per i diritti maschili”. L’attivismo MRA nasce in risposta al femminismo della seconda ondata (quello degli anni Settanta), ma solo negli ultimi dieci anni ha assunto un’importanza cruciale nel dibattito culturale, specialmente negli Stati Uniti. Siccome anche in Italia questa ideologia è sempre più diffusa, conquistandosi molti spazi mainstream (specialmente su YouTube), credo sia giusto parlarne. Questo testo non vuole entrare nel merito delle teorie MRA, ma vuole analizzarne storia, diffusione e metodi.

Storia dei (proto)movimenti per i diritti maschili

Il sociologo Michael Messner ha ricostruito la storia di questi movimenti. Negli anni…


Ho 24 anni, sono femminista da circa 6 ma me ne sento addosso 85. Non solo perché empatizzo con la vecchietta della Women’s March col cartello “I Can’t Believe I Still Have To Protest This Fucking Shit”, ma anche perché mi sembra di essere diventata una di quelle femministe ottuagenarie sprofondate a tal punto nel dibattito da diventare critiche nei confronti del femminismo stesso.

La vecchietta della Women’s March col cartello “I Can’t Believe I Still Have To Protest This Fucking Shit”.

Crescendo, conoscendo più da vicino le dinamiche di oppressione e avvicinandomi con molta calma e ancora molto da scoprire alle teorie marxiste e socialiste, mi sono resa conto che negli ultimi tempi la mia avversione nei…


Il candidato alle Primarie democratiche americane Pete Buttigieg per un po’ è sembrato a tutti la nuova stella nella corsa alla Casa Bianca. Poi si è macchiato di vari scivoloni, tra cui il fatto non trascurabile che un giornalista della NBC News ha trovato sul profilo Instagram di suo marito una foto del candidato mentre si fa ritrarre sorridente al Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa di Berlino, il monumento del Mitte che con 2.711 stele di cemento di diversa altezza commemora le vittime dell’Olocausto. …


Delil Souleiman/Getty Images

Nel 2016, i media di tutto il mondo si accorsero dell’esistenza dell’YPJ (curdo: Yekîneyên Parastina Jin), l’Unità di Protezione delle Donne, una milizia formata dalle donne del movimento di resistenza curdo che svolse un ruolo fondamentale durante l’assedio di Kobane. In particolare fu l’uccisione da parte dell’Isis di una combattente di 19 anni, Asia Ramazan Antar (nota anche come Viyan) a ricevere grande attenzione: tutti i giornali e le televisioni occidentali cominciarono a parlare dell’“Angelina Jolie curda”, sottolineando la bellezza della giovane donna, immortalata in un reportage del fotografo John Moore. In questi giorni si è tornato a parlare molto…


Una rassegna di scritti femministi liberamente accessibili

L’illustrazione mostra alcune donne che parlano fra di loro
L’illustrazione mostra alcune donne che parlano fra di loro

Manifesti

Bitch Manifesto, Jo Freeman (1968).

Manifesto Cyborg di Donna Haraway (1991).

Manifesto di Rivolta Femminile di Carla Lonzi, Carla Accardi ed Elvira Banotti (1970).

Manifesto Transfemminista di Emy Koyama (26 Luglio 2001), tradotto da Lesbitches.

Manifesto XENOFEMMINISMO. Una Politica per l’Alienazione di Laboria Kubonics (2016).

Piano Femminista contro la violenza maschile sulle donne e contro la violenza di genere, di Non una di meno.

S.C.U.M. Manifesto, di Valerie Solanas (1967).

Libri

Ahmed, Sara, Living a Feminist Life, 2017.

Belingardi, C., Castelli, F., Olcuire S., La libertà è una passeggiata. Donne e spazi urbani tra violenza strutturale e autodeterminazione, 2019.

bell hooks…


Artwork by Hark, A Vagrant

Primo ricordo: ho circa 10 anni, faccio il bagno nella vasca di casa mia. Mi insapono le cosce, prima in un senso e poi nell’altro. Mi piace vedere i peli prima lisciati che si arricciano quando scorro contropelo.

Secondo ricordo: ho 13 anni, mancano due giorni alla mia cresima. Piango seduta sul water mentre mia sorella e mia mamma urlano. Hanno in mano una striscia di ceretta.

Terzo ricordo: ho 16 anni, il mio fidanzato mi ha portato fuori a cena per il mio compleanno. È venuto a chiedere il permesso ai miei genitori. …


Se dovessi descrivere l’Upper Peninsula del Michigan con una parola userei “Paradise”, la città. Storia fittizia della fondazione di Paradise: i fondatori vagano da mesi in un inferno di orsi e neve, trovano un pezzo di terra che fa meno schifo degli altri e quello diventa il loro personale lembo di paradiso. Paradise, MI.
Popolazione, 5.017 abitanti.
Risultati delle presidenziali del 2016 a Paradise, MI: 58,65% Repubblicani, 34,59% Democratici.
Se Paradise è un paradiso, immagino cosa possa essere Hell, nella Lower Peninsula. Siamo solo di passaggio, come tutti a Paradise, perché stiamo andando alle Tahquamenon Falls, una delle varie attrazioni…

Jennifer Guerra

Giornalista e femminista

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store