Il politicamente corretto, corretto

Photo by visuals on Unsplash

La retorica sugli eccessi del politicamente corretto è arrivata anche in Italia. Nella maggior parte dei casi, si tratta però di notizie false, male interpretate o non verificate. Al pari di altre fake news, anche le notizie false sugli eccessi del politicamente corretto inquinano il dibattito e creano polarizzazioni e divisioni pericolose per la nostra democrazia, oltre che a creare un clima di ostilità verso determinati gruppi sociali. Per conoscere la genesi del termine “politicamente corretto” invito a leggere questo articolo di Matteo Pascoletti per Valigia Blu e questo articolo di Federico Faloppa, Lecturer nel Dipartimento di Modern Languages dell’Università di Reading (in inglese).

Questa pagina vuole essere una raccolta delle notizie false sugli “eccessi/dittatura del politicamente corretto” nei media italiani, opportunamente smentite. Il censimento è cominciato a gennaio 2021 e la pagina è in costante aggiornamento.

https://www.ilfoglio.it/societa/2020/12/30/news/senza-tribunale-netflix-ha-gia-deciso-che-johnny-depp-e-colpevole-1608228/

FALSO.

Come ha spiegato la stessa Netflix al Corriere della Sera, i diritti dei film che vedono protagonista l’attore sono scaduti.

https://www.open.online/2021/01/05/amen-awoman-pasticcio-politicamente-corretto-deputato-pastore-congresso-usa-video/

Cleaver ha spiegato all’AP di aver fatto un gioco di parole, e ha dichiarato: “Sono profondamente deluso che la mia preghiera sia stata fraintesa e travisata da qualcuno per farla rientrare in una narrativa che alimenta risentimento e sempre più divisione tra parti della nostra popolazione”.

https://www.tempi.it/omero-razzista-le-follie-della-cancel-culture/

FALSO.

L’insegnante della scuola incriminata ha smentito la censura. È stato semplicemente rinnovato il programma.

https://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/cinema-web-insorge-contro-grease-misogino-e-sessista-dai-1914231.html

FALSO.

La notizia arriva da un articolo di Express che ha riportato cinque (5) tweet che criticavano il film per essere misogino e sessista. Solo uno dei tweet diceva che andrebbe tolto dagli schermi. Gli utenti di Twitter sono 330 milioni.

https://www.lamiacittanews.it/e-ora-twitter-censura-anche-libero-hanno-messo-al-bando-il-politicamente-scorretto/

FALSO.

L’account Twitter di Libero (tornato online dopo 12 ore) è stato limitato — non sospeso — a causa di “attività sospette”, cioè per la sicurezza dell’account stesso.

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/ritornano-i-genitori-1-e-2

FALSO.

È stata ripristinata nelle carte d’identità dei minori e nei documenti scolastici la dicitura “Genitori”, senza numero, che era stata sostituita nel 2019 dall’allora ministro degli Interni Salvini con “madre” e “padre”.

https://www.corriere.it/spettacoli/21_gennaio_20/successo-lupin-nero-281d59fc-5b26-11eb-998b-12ca609f8cfa.shtml

FALSO.

Come si evince persino dal trailer, il protagonista della serie Netflix Lupin, interpretato dall’attore francese (e non senegalese) Omar Sy, non è Lupin, ma un uomo che si ispira a questo personaggio immaginario per commettere dei furti.

https://www.vanityfair.it/show/cinema/2021/01/25/peter-pan-dumbo-e-gli-aristogatti-la-disney-censura-le-sue-pietre-miliari

FALSO.

Ha aggiunto questo disclaimer: “Questo programma include rappresentazioni negative e/o denigra popolazione e culture. Questi stereotipi erano sbagliati allora e lo sono ancora. Piuttosto che rimuovere questo contenuto, vogliamo riconoscerne l’impatto dannoso, imparare da esso e stimolare il dibattito per creare insieme un futuro più inclusivo”.

https://www.ilgiornale.it/news/mondo/leicester-follia-alluniversit-autori-classici-1921365.html

FALSO.

Lo stesso Daily Mail, che per primo ha riportato la notizia, ha pubblica la smentita dell’università, che ha dichiarato che “Non c’è alcuna verità nell’ipotesi che alcuni moduli del corso siano stati eliminati perché “troppo bianchi”.

https://www.ilgiornale.it/news/politica/brasile-mette-bando-tomjerry-altro-danno-politicamente-1921743.html

FALSO.

Il quotidiano ha ripubblicato una bufala che si riferisce a un articolo, che riportava già all’epoca una notizia falsa, del 2013. Qui un approfondito fact checking fatto da Giornalettismo.

https://www.corriere.it/tecnologia/21_febbraio_22/bianco-attacca-nero-youtube-blocca-canale-scacchi-contenuti-razzisti-86545140-74ff-11eb-b048-5f97627f6464.shtml?fbclid=IwAR1WenM98fjurfJ3VfyL3U5R_CYMfYieuhSfXJzwUsIefzXjOEz_sKYonBw

FALSO.

La vera notizia, come riportata dai quotidiani internazionali chiaramente sin dal titolo, è che è stato pubblicato uno studio del Language Technologies Institute della Carnegie Mellon University che ha analizzato un vecchio caso di ban da YouTube (risalente a giugno 2020 e durato 24 ore) del popolare canale per scacchisti Agadmator, concludendo che l’algoritmo può commettere degli errori (in questo caso, scambiando per razzismo termini inerenti al gioco). Un approfondito fact checking è stato fatto da Open.

https://www.ilgiornale.it/news/mondo/ora-anche-matematica-diventa-razzista-e-suprematista-1927134.html

FALSO.

Il Dipartimento dell’Istruzione dell’Oregon, in occasione del Black History Month, ha organizzato una serie di iniziative, dalla valorizzazione dei matematici afroamericani a progetti per invogliare lo studio della matematica tra gli studenti Neri. Il Giornale ci assicura che “la veridicità [della notizia] è stata confermata da Fox News”. Stiamo freschi!

https://www.corriere.it/spettacoli/21_marzo_01/golden-globe-2021-vince-soprattutto-l-adeguamento-politicamente-corretto-1d0d49f6-7a65-11eb-bfba-4b97c2207ce7.shtml

MA PER PIACERE.

Chloé Zhao è la seconda donna nella storia dei Golden Globe a vincere il premio come miglior regista. La seconda in 78 anni. Se questa è la dittatura del politicamente corretto, è la dittatura più scarsa di sempre.

https://www.corriere.it/caffe-gramellini/21_aprile_01/quel-razzista-mozart-66d2f760-9253-11eb-b997-507c83c4e681.shtml

FALSO.

Come scrive l’Associated Press, si tratta di una notizia falsa. La facoltà di Musica aggiungerà nuovi autori ai corsi già disponibili. La fake news ha origine dal Telegraph.

Giornalista e femminista